Dio come sono triste!

E’ Natale e sto andando in fabbrica per il turno pomeridiano!

E in più manco l’ombra dei regali che ho chiesto a Babbo Natale nella mia composta e pacata letterina!

Uh Carletto, che inutile scoramento percepisco dalle tue parole…e quali regali avevi chiesto a Babbo Natale?

Gli avevo chiesto la cancellazione di tutti i confini nazionali. Superare il concetto di stato-nazione in favore di un disegno unico planetario. Basta parlare di italiani, inglesi, francesi, ma pensarci come un unico grande popolo che abita il mondo. In questo modo non ci sarebbero più interessi locali da difendere, perchè, sai mamma, se andiamo avanti così ho la sensazione che almeno un paio di guerre mondiali non ce le leverà nessuno!

Poi avevo chiesto una dichiarazione universale dei diritti del fanciullo, anche solo un paio di articoli che mi potessero risparmiare ‘sto sbattimento enorme che mi sto facendo tutti i giorni!

E poi gli avevo chiesto un sacchetto di biglie nuove!

E invece cosa ti è arrivato, Carletto?

CARBONE, mamma, CARBONE!! Come se non ne respirassi già abbastanza di carbone! Come se non avessi abbastanza di questa nube nerognola di fumo e fuliggine che avvolge la mia vita…

Eh, Carletto, non alzare la voce con mamma: evidentemente non sei stato bravo abbastanza!! E sai che Babbo Natale è mooolto esigente in fatto di bravi bambini…

Ma minchia, almeno un sacchetto di biglie quello spilorcio dimmerda me lo poteva regalare!!!

Ecco Carletto! ti sei già risposto da solo…un bambino che si esprime in maniera così scurrile non può pensare di ricevere regali da Babbo Natale!!

Quel bastardo con le renne si merita che i tedeschi gli invadano la Lapponia!!

Cosa stai borbottando Carletto? Non starai mica dicendo cattiverie su Babbo Natale?

No mamma, stavo dicendo che ho voglia di un’invasione di lamponi…buoni i lamponi…

Annunci